I Pionieri dell’Archeologia subacquea- Siracusa 1950-1970

I Pionieri dell’Archeologia subacquea- Siracusa 1950-1970

L’avventurosa nascita dell’Istituto Mediterraneo di Archeologia Subacquea a Siracusa, tra la Sicilia,

l’isola di Malta e l’Inghilterra, narrata dalla figlia del fondatore dell’Istituto, Pier Nicola Gargallo di

Castel Lentini, attraverso gli antichi archivi e le interviste. Sulle tracce del padre riaffiorerà un mondo sommerso non solo archeologico, ma di relazioni tra uomini e donne che intrapresero per passione un’avventura pionieristica dopo la seconda guerra mondiale negli anni cinquanta, dando vita ad una nuova branca dell’Archeologia, quella subacquea. In quei tempi il progetto nato dall’amore per l’archeologia e per il mare fu condiviso ad altissimo livello internazionale. Il filmato breve di 5 minuti è il teaser in vista di un futuro documentario basato su documenti inediti dell’ archivio privato di Pier Nicola Gargallo e vuole mettere l’accento sull’importanza e l’urgenza della protezione del nostro patrimonio subacqueo sottolineata al tempo anche dall’ Unesco.

Il breve filmato intende sostenere la centralità dell’Archeologia subacquea come punto di partenza

fondamentale per la sensibilizzazione del grande pubblico alla preservazione dell’ambiente marino e sottomarino. L’incremento di questa sensibilizzazione si può ottenere solamente attraverso una

cooperazione internazionale tra governi e fondazioni, tra pubblico e privato, come abbiamo già visto con l’esempio dell’Istituto Mediterraneo di Archeologia subacquea in Italia negli anni 50.

Finanziamenti e ricerche appropriate volte ad uno sviluppo sostenibile, possono essere il volano di

nuovi orizzonti scientifici, turistici ed industriali, naturalmente in cooperazione internazionale, a

tutela del comune patrimonio artistico e naturale.

The Mediterranean Institute of Maritime Archaeology in Syracuse, Sicily, was founded in the 1950s by my father, Piernicola Gargallo di Castel Lentini. Piernicola Gargallo was a close friend and associate of Professor Luigi Bernabo’Brea, archaeologist and highly regarded Director of the Department of Antiquities in eastern Sicily.

Yet it was the former’s extensive knowledge of classical antiquity that induced him to frame a series of pivotal questions relating to the history of ancient sea lanes. Furthermore, his fundamental maritime research, as testified by the many publications in several international journals, met with keen, widespread interest within the field. This, in turn, occasioned the founding of the Mediterranean Institute of Maritime Archaeology.

With Olof Gollcher in Malta among its chief collaborators, the Institute soon garnered what was to become it’s far-reaching international reputation. At the time, fresh archaeological discoveries spearheaded by teams of international experts helped further augment knowledge of ancient civilizations.

Experts from the British, Italian and Maltese navel authorities contributed decisively by way of advanced maritime technologies.

Along with pioneer maritime research-scientist, Jacques Cousteau, Piernicola Gargallo was premier recipient of the Golden Trident Award in Ustica, a prestigious award during the 1960s, which, among others, was also conferred on Walt Disney, Fulco Quilici

Translate »