PIRATERIA NEL MEDITERRANEO

PIRATERIA NEL MEDITERRANEO

L’Assessore della Pesca Mediterranea Nino Caleca:
“Chiederò alla Farnesina interventi urgenti per tutelare le nostre marinerie”

 

 

Palermo 11 maggio 2015 – L’Assessore Regionale dell’Agricoltura e della Pesca Mediterranea Nino Caleca ha incontrato alcuni rappresentanti della marineria di Mazara del Vallo che hanno manifestato grande preoccupazione per lo stato di abbandono che percepiscono rispetto a possibili atti di aggressione in mare e pirateria che potrebbero essere perpetrati a danno dei nostri marinai.

 

“Raccolgo l’accorato appello che mi perviene da parte della marineria siciliana – ha detto l’Assessore Nino Caleca – consapevole che in questo delicato momento di equilibri internazionali occorra chiedere al Governo nazionale il massimo impegno per garantire un’azione di pattugliamento e di vigilanza delle acque capace di offrire protezione e solidarietà in mare ai nostri pescatori che spesso si sentono in pericolo anche operando all’interno delle acque territoriali. Il Ministero – ha dichiarato  Nino Caleca – dovrà ascoltarci e farsi carico del prezioso lavoro di vigilanza e solidarietà che le nostre marinerie, seppur da ultimo non adeguatamente considerate, svolgono quotidianamente durante le attività di pesca nel Canale di Sicilia. Chiederò subito – ha concluso l’Assessore Caleca – un incontro sulla tematica alla Farnesina al fine di avviare un proficuo confronto dal quale possano scaturire azioni utili, tempestive e concrete per garantire l’incolumità dei nostri pescatori e delle flotte siciliane”.

Translate »

I permessi pesca per la pesca ricreativa anno 2021 da terra e da barca di qualsiasi tipo (settimanale, mensile, annuale), non sono PROROGATI.

I PERMESSI ANNO 2022 saranno rilasciati a seguito dell'autorizzazione Ministeriale annuale del nuovo disciplinare 2022.
Pertanto, qualsiasi permesso pesca anno 2022, rilasciato erroneamente dall'applicazione Web, NON HA ALCUNA VALIDITA' nel periodo di sospensione.